20/01/2016

Il mercato e la città

Attingendo ad un ampio repertorio di esempi, sia storici che contemporanei, il nuovo saggio della rivista Arredo & Città evidenzia come sia ancora attuale il tema del mercato all’interno del tessuto urbano, nonostante la grande distribuzione e la competizione con forme di commercio alternative.
I luoghi riservati ai mercati hanno assunto nella tradizione europea caratteristiche plurime in relazione alle epoche storiche e alle diverse pratiche commerciali, ma soprattutto in rapporto alle forme della città e alla loro progressiva trasformazione nel corso del tempo.

Emblematico in questo senso il sito delle Halles a Parigi le cui origini risalgono al Medioevo: la struttura in ferro e vetro che a partire da metà ‘800 è stata un modello di riferimento per altre realtà, una volta abbattuta, ha movimentato una progettualità che in parte è ancora in corso di definizione. I luoghi e le architetture destinate al commercio, più di altre sono espressione del loro tempo e più di altre sono state nel tempo adattate o arricchite, talvolta occupando siti dismessi e introducendo nuove funzioni: ad esempio sul binomio cibo-mercato si è inserita la combinazione vendita di prodotti alimentari – ristorazione – luogo di incontro tra le persone.