23/04/2018

Lang di ÅF Lighting

Durante la fiera Light+Building 2018 di Francoforte sul Meno, Christian Klinge, Direttore dell'innovazione di ÅF Architecture & Design, ha presentato presso lo stand Neri "Lang", il nuovo corpo illuminante testa-palo progettato dall'azienda danese ÅF Lighting.

La possibilità di sentire direttamente dalla voce del designer il modo in cui è stata concepita Lang è stata una bellissima esperienza, anche se siamo stati coinvolti nella sua nascita. Questo è stato il motivo che ci ha spinti a chiedere a Christian di parlarci nuovamente di Lang.

"Lo sviluppo di un nuovo corpo illuminante è un'attività complessa e difficile che racchiude in sé una moltitudine di aspetti," spiega Christian Klinge, "dai vincoli pratici ed economici alle considerazioni sull'estetica e sul design. Nel caso del corpo illuminante LANG la complessità è acuita dal fatto che per sviluppare un nuovo corpo illuminante testa-palo è necessario mettere in discussione una lunghissima tradizione caratterizzata da convenzioni molto rigide. I corpi illuminanti testa-palo sono sulle nostre strade da più di 200 anni, e cercare di proporre qualcosa di nuovo è molto difficile. Ciò nonostante, quando Neri ci ha affidato la progettazione di un nuovo componente della sua famiglia di apparecchi testa-palo il nostro entusiasmo è salito alle stelle".
"Abbiamo iniziato cercando di identificare il DNA di un corpo illuminante testa-palo," continua Christian, "e abbiamo concluso che la sua essenza potrebbe essere descritta come una sfera di luce abbracciata da un corpo, un cappello e una base. Partendo da questa definizione di base abbiamo iniziato a sperimentare vari modi per esprimere queste caratteristiche rispettando l'eredità dei corpi illuminanti, ma con un tocco moderno. L'attività di progettazione è stata resa ancora più difficile dal fatto che dovevamo soddisfare richieste piuttosto stringenti in materia di distribuzione della luce e di pacchetti lumen, richieste che ci hanno portato alla conclusione che il corpo illuminante poteva avere solo due braccia a definizione del corpo. Inoltre, il "light engine" era diviso in due PCB separati, il che significa che dovevamo trovare un posto per una doppia configurazione nella testa del corpo illuminante.
Dopo aver lottato con questi vincoli complessi siamo giunti alla conclusione che dovevamo trasformarli in una caratteristica del corpo illuminante e abbiamo deciso di valutare la possibilità di "dividere" la sfera di luce in due e di introdurre un divisorio visibile tra i due emisferi. Questa intuizione si è rivelata fruttuosa e ci ha subito permesso di avere una caratteristica di design unica per il corpo illuminante nella forma di una "lama" in grado di afferrare la luce dai due light engine e di definire la dimensione spaziale del corpo del corpo illuminante. Inoltre, questo era molto in linea con uno dei principi di progettazione più importanti che normalmente teniamo in considerazione quando lavoriamo, ovvero il platform-thinking. La "lama" permette di personalizzare il corpo illuminante a seconda delle esigenze del cliente e fornisce un'espressione unica per progetti specifici.
Per quanto riguarda la progettazione della forma/espressione estetica del corpo illuminante volevamo che fosse immediatamente riconoscibile come corpo illuminante testa-palo con tutte le sue caratteristiche associate, pur avendo un design distintivo e moderno. Da questa prospettiva la sfida era principalmente costituita dalla configurazione a due braccia. Nonostante questo alla fine siamo riusciti a creare un design piacevole, sia lateralmente sia frontalmente. Dal punto di vista frontale il corpo illuminante è fortemente essenziale e riflette alcune delle qualità presenti nella tradizione progettuale scandinava. Dal punto di vista laterale, invece, ha un'espressione da lampada archetipica, ma con un design elegante e molto moderno. Di conseguenza, una delle caratteristiche distintive di questo corpo illuminante è che cambia forma quando gli si passa accanto. Abbiamo lavorato tanto su come la luce cade sulle varie parti del corpo illuminante definendo l'espressione notturna. È facile notare che la luce esalta leggermente la parte inferiore in cui l'alloggiamento si aggancia all'asta, oltre a illuminare la parte interna delle braccia creando il corpo dell'apparecchio.
Siamo molto felici di essere riusciti a dare vita a una forma che funziona con o senza lama, accrescendo ulteriormente la fattibilità e la multifunzionalità del corpo illuminante".

Caratteristiche principali
Doppia ottica
Lama personalizzabile

Dettagli tecnici
Materiale: Fusione di alluminio
Flusso luminoso: 7.500 lm
Efficienza: 118 lm/W
Temperatura colore: 3.000 K o 4000 K