Busseto

Busseto è un comune della bassa pianura parmense, famoso per aver dato i natali a Giuseppe Verdi che mantenne per tutta la sua lunga vita uno stretto legame con la sua città natale. A duecento anni dalla nascita di Verdi, Busseto è ancora al centro di una intensa attività operistica, in omaggio al grande maestro.

Il centro storico di Busseto fu illuminato da Neri nel 1991, con lanterne Light 800 in fusione di ottone. Oggi le stesse lanterne, che in precedenza erano lampade al vapore di sodio, sono state equipaggiate con un kit LED appositamente studiato da Neri, e la città ha assunto un altro aspetto, molto più caldo ed accogliente rispetto alle precedenti sorgenti luminose ai vapori di sodio. Illustriamo con questa presentazione il nuovo volto notturno della città.

PIAZZA GIUSEPPE VERDI

La piazza, intitolata a Giuseppe Verdi, mantiene tutt’oggi l’assetto quattrocentesco a pianta rettangolare ed è dominata dal monumento bronzeo realizzato nel 1913, in occasione dei 100 anni della nascita, raffigurante il maestro che veglia sul paese, quietamente seduto su di uno scranno.

Alle spalle del monumento a Verdi sorge la rocca, attualmente sede del Municipio, costruita nell’XI secolo dai marchesi Pallavicino, signori di Busseto. La rocca fu riedificata più volte nei secoli, fino alla ricostruzione in stile neogotico, avvenuta fra il 1857 e il 1868 che ha inglobato parti significative del castello originale. Ad angolo rispetto la Piazza sorge la Collegiata di San Bartolomeo costruita in mattoni in stile gotico.

VILLA PALLAVICINO

Edificata in stile rinascimentale a partire dal 1518 la villa fu residenza estiva dai marchesi Pallavicino. Il Comune di Busseto, che oggi ne ha la proprietà, nel 2009 l’ha trasformata in sede del museo nazionale Giuseppe Verdi. Il museo riproduce nelle sue 22 sale gli allestimenti originali di ognuna delle 27 opere liriche scritte da Giuseppe Verdi, arricchiti dalle riproduzioni degli abiti originali di scena e dalle musiche del maestro.