Darsena, Milano

La Darsena, la cui costruzione risale al 1600, è strettamente legata al Naviglio Grande, opera unica in Europa di ingegneria idraulica di epoca medievale che caratterizzò per secoli l’ambiente, la vita, i trasporti e i commerci milanesi. Basti pensare che i marmi del Duomo di Milano, per volere di Gian Galeazzo Visconti, giungevano su barconi dalle cave del Lago Maggiore fino al laghetto di Sant’Eustorgio, che più tardi diverrà la Darsena.

La Darsena di Milano

I trasporti sui Navigli e sulla Darsena si protrassero fino al 1979 dopo di che, fallito il progetto di un parcheggio sotterraneo, l’area cadde in un profondo abbandono. La riqualificazione della Darsena è uno dei tanti progetti legati a EXPO 2015. La Darsena con questo intervento torna a vivere e ad essere simbolo, come lo era stata nel passato, della città di Milano. Il progetto è stato firmato dagli architetti Edoardo Guazzoni, Paolo Rizzato, Sandro Rossi, e dallo Studio Bodin&Associés ed ha comportato il restyling dell’antico porto urbano con il rinnovo delle sponde e la ridefinizione degli spazi adiacenti per la navigazione e il passeggio.

Light Nova

Nella riqualificazione della Darsena sono stati utilizzati anche i corpi illuminanti Light Nova, installati sui grandi pali a pastorale di Viale Gorizia, al confine con il Naviglio Pavese. L’Azienda Municipalizzata di Milano A2A ha esteso a questa zona prestigiosa della città i corpi illuminanti Nova già impiegati nei luoghi simbolo di Milano, dalla Stazione Ferroviaria al Castello Sforzesco, da Porta Garibaldi al Parco delle Basiliche, da Piazza Duomo a Brera.