Restauro Siena

Siena, la città medievale che meglio si è conservata in Italia, sia nelle architetture che nelle tradizioni, è teatro di uno dei restauri più significativi ed estesi realizzati da Neri.

Nel secondo dopoguerra Siena è stata illuminata da lanterne in ferro di ispirazione medievale che dopo quasi 60 anni fanno ormai parte del paesaggio architettonico, conquistandosi un ruolo significativo nello spazio urbano. Dal punto di vista invece dell’efficienza illuminotecnica e delle sorgenti impiegate (mercurio) la vecchia lanterna non risultava più adeguata, rendendo necessario un intervento radicale di ammodernamento.

L’ Amministrazione Comunale è intervenuta sull’intero impianto della città, per migliorare l’illuminazione e ottenere un risparmio del 65% di energia . Lo ha fatto in collaborazione con Enel Sole con la massima correttezza filologica salvando un manufatto che non può essere definito storico-artistico, ma che risulta essere di qualità per il materiale impiegato e la sua provata resistenza nel tempo.

Illuminazione

Sono 1230 le lanterne restaurate da Neri in uno degli scenari storici più affascinanti al mondo; un luogo magico che Neri ha contribuito ad abbellire di giorno e soprattutto di notte.

Dal punto di vista meccanico le lanterne sono state tutte restaurate negli stabilimenti Neri, sostituendo le parti che risultavano irrimediabilmente compromesse.

Le lanterne sono state adeguate elettricamente con:
- isolamento in classe II
- sezionatore di linea per la sicurezza
- cablaggio elettronico dimmerabile 60/45W per ottenere un consistente risparmio energetico
- piastra per le apparecchiature elettriche, appositamente progettata per essere montata nella parte superiore della lanterna

Lo studio illuminotecnico ha permesso la riduzione dell’assorbimento del 65% grazie al passaggio da lampade 125 W al Mercurio a lampade di ultima generazione Philips CPO-TW 60W (2800°K). I risultati fotometrici testati in laboratorio sono stati certificati con il marchio IMQ Performance. L’emissione della luce verso l’alto è stata ridotta al 25,70% ULOR.

Questi interventi tecnici hanno determinato anche miglioramenti estetici significativi, eliminando la visone all’esterno dei componenti elettrici quali il reattore e la lampada, ora alloggiati nella parte superiore e invisibili anche grazie agli schermi satinati.

Piazza del campo

Non poteva mancare Piazza del Campo, il cuore della città, illuminata però da 12 grandi lanterne cilindriche in ferro battuto. Anch’esse sono state restaurate e adeguate dal punto di vista illuminotecnico. Come altre analoghe presenti in diverse piazze della città.

È stato studiato un cilindro satinato con alloggiata all’interno un’ottica, non visibile all’esterno. L’estetica quindi non è stata modificata, tuttavia è stata decisametne migliorata l’efficienza luminosa.

Il restauro completo di Siena si è concluso nel 2015 con le lanterne della loggia del Palazzo dei Priori. Si tratta di lanterne speciali appositamente create per il porticato interno del palazzo, luogo di grande fascino e storia, legato profondamente al Palio.

In particolare è stata restaurata anche la lanterna all’interno del Cortile del Podestà. Una lanterna unica, del tutto speciale, realizzata in ferro battuto, ricca di figure umane e mitologiche. Anch’essa è stata adeguata elettricamente e equipaggiata con LED.